Le segnalazioni dei cittadini sono molto importanti per la Polizia Locale perché consentono di intervenire con rapidità aumentando sensibilmente le probabilità di prevenire le azioni vietate e di identificarne gli autori.

La prassi è ascoltarle, prenderle nella giusta considerazione e verificarne la fondatezza ma quello che è successo alcune mattine fa a Barcola in un primo momento era difficile da credere.

Un cittadino segnalava a due operatori della Polizia Locale che all’altezza della sede dell’”A.S.D. Bunker” un uomo stava prelevando illegalmente con l’ausilio di un’idrovora un grosso quantitativo di acqua di mare; giunti sul posto gli operatori verificavano la fondatezza della segnalazione. Un uomo, infatti, stava caricando su un grosso tir Mercedes un quantitativa pari a 24.000 lt. di acqua marina dallo specchio acqueo all’interno del porticciolo di Barcola.

L’acqua veniva raccolta all’interno del tir della capienza di 24 cisterne, ciascuna con la capacità da 1000 lt. senza la necessaria concessione prevista dall’art. 51 del Codice di Navigazione; difronte l’eccezionalità della situazione veniva richiesto l’ausilio del personale della Capitaneria di Porto che prontamente interveniva.

L’uomo veniva identificato J. S. K. le sue iniziali di 48 anni tedesco ammetteva di prelevare illegalmente l’acqua marina per portarla in un acquario in Germania; all’uomo veniva contestata la violazione all’art. 1162 del Codice della Navigazione che prevede una sanzione amministrativa di 1.549 euro oltre l’obbligo a rigettare in mare l’acqua prelevata.